agosto 2015 - Master Coach Italia
Come prendere una decisione

Come prendere una decisione

Ti è mai capitato di avere difficoltà nel fare una scelta? Di essere profondamente indeciso? Sai, proprio quel momento in cui non sai assolutamente cosa fare, in cui non sai se “andare” o “restare“, “lasciare” o “prendere“, “aprire” o “chiudere“… E’ facile imbattersi in situazioni di questo tipo. La vita ci pone, molto spesso, dinanzi a delle scelte e tante volte, prendere una decisione non è semplice. Il Coach è un professionista che può aiutarti in queste situazioni di incertezza. Ecco qui di seguito alcuni suggerimenti. 1) Fai una lista dei pro e dei contro Semplicemente, metti per iscritto (mi raccomando, non lasciare i tuoi pensieri nella tua testa) tutti i motivi per cui dovresti fare una scelta, piuttosto che un’altra. Alcune volte, è sufficiente questo lavoro di pura valutazione logica. Tante altre volte però, non è sufficiente perchè questo tipo di ponderazione è prettamente razionale, pertanto, non totalmente soddisfacente. Per esempio, puoi aver individuato tantissimi pro e un unico contro, ma quel contro ha un peso emotivo così grande che bilancia tutti gli altri pro. Accade molto spesso. Che fare allora? Devi dare spazio alla tua parte emotiva! Per questo ti servirà il secondo suggerimento… 2) ESPRIMI UN DESIDERIO. Sì… hai letto bene! Devi esprimere un desiderio. Qual è il desiderio che vorresti realizzare facendo una determinata scelta e quale desiderio vorresti realizzare facendo la scelta opposta? Ti faccio un esempio: “Voglio cambiare lavoro, ma ho paura di lasciare il certo per l’incerto. Se scegliessi di lasciare il lavoro, il mio desiderio sarebbe quello di fare ciò che più mi piace nella vita. Se scegliessi di restare, invece, ...
Come essere il coach della tua start up

Come essere il coach della tua start up

In Italia nascono cinque start-up al giorno! E’ un fenomeno di grande rilievo. Molto probabilmente l’ipotesi di mettersi in proprio, di crearsi un lavoro e di assicurarsi il futuro in modo autonomo in un periodo difficile come quello attuale, risulta essere più allettante che provare concorsi, cercare lavoro, inviare candidature, etc. Dall’altra parte, è risaputo che proprio nei momenti difficili la gente cerca soluzioni con maggiore ingegno ecreatività. Resta il dato che in Italia si registrano un gran numero di start-up, ma anche un numero enorme di start-up che non sopravvivono! Sono tante le ragioni che possono spiegare la fine di molte idee, tra queste indubbiamente troviamo l’incapacità degli startupper di affrontare il mondo imprenditoriale. Non basta avere una buona idea, devi essere anche in grado di svilupparla, farla crescere e portarla al successo! E’ importante sviluppare capacità manageriali e quella che potremmo definire “mentalità imprenditoriale”. Su questo ultimo aspetto, si può intervenire acquisendo le abilità di un business coach e del coaching.  Il suggerimento è quello di diventare coach di se stessi e all’interno della propria start-up. Il coaching (soprattutto quello orientato al business) può essere di grande aiuto agli startupper, i quali, più di altri, devono acquisire il più velocemente possibile un adeguato  approccio alla vita imprenditoriale per poter far crescere la propria idea progettuale. In fondo, la stragrande maggioranza delle persone di successo si affidano o si sono affidate ad un coach! Vediamo nel dettaglio alcuni suggerimenti per iniziare ad essere coach all’interno del proprio team di lavoro e rispetto alla propria start-up. 1) COSTRUISCI BUONE RELAZIONI: nessuno si afferma da solo. I tuoi contatti, letue amicizie e le tue conoscenze sono il punto di partenza! Tra di loro, non solo potrai trovare collaboratori, risorse utili, sostegno emotivo e incoraggiamento, ma possono...
'